C’è amianto nella vostra casa in Lombardia?

Attualmente, se scrive dalla regione Lombardia ove è vigente il Pral (Piano Regionale amianto in Lombardia) non è obbligatorio rimuovere la copertura contenente amianto salvo che questa non abbia un indice di degrado (i.d.) > 45 punti (valutati dal tecnico competente munito di patentino apposito per la valutazione dell’amianto) – rimozione entro 12 mesi, oppure la bonifica entro tre anni se con id tra 25 e 44 e con i.d. < 25 c’è solo da fare un riesame obbligatorio dello stato di degrado, biennale.

Vi è inoltre l’obbligo di compilare l’allegato 4 del suddetto pral nominado il responsabile del controllo nel biennio in corso e negli eventuali successivi sullo stato di degrado.

Questo poichè è solamente (almeno per ora ed almeno secondo la legislazione ultima vigente in Lombardia), lo stato di conservazione delle lastre a determinarne o meno l’eventuale pericolosità e il suo grado pericolosità, che si ha mendiante la aerodispersione delle fibre dalle lastre particormente vetuste o rotte.

Quindi se la ditta non ha rimosso è perchè non è stata incaricata di fare una valutazione sullo stato di conservazione o di rimozione e smaltimento delle stesse a prescindere dal loro stato di conservazione.

Toccava e tocca alla proprietà far sondare o rimuovere dette lastre tramite ditte specializzate, ma le stesse non hanno l’obbligo di rimuovere tutto l’amianto che possono incontrare sul loro percorso di lavoro.

Ricordo che la valutazione e l’eventuale rimozione, se occorre, sono un obbligo di legge che prevede che chi ha situazioni di amianto/eternit, faccia una verifica almeno biennale sullo stato di fatto.
Saluti.

Incoming search terms:

This entry was posted in amianto-eternit and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.