Impegno del governo per gli esposti all’amianto

Notizia dell’ultima ora per i nostri lettori sull’eternit e sull’amianto.

Fonte: http://www.elenacarnevali.it/2013/12/21/impegno-del-governo-per-gli-esposti-allamianto/

«L’ordine del giorno sull’amianto, accolto dal governo, nel richiamare i contenuti della Risoluzione approvata nella precedente legislatura impegna il governo, tra l’altro, “a valutare la necessità di assegnare risorse finanziarie al Fondo Nazionale Amianto nonché l’erogazione dello stesso anche ai cittadini colpiti da malattie asbesto correlate (o loro eredi) di origini diverse da quelle professionali e per la sorveglianza sanitaria degli ex esposti; a consentire ai lavoratori esposti all’amianto di beneficiare delle deroghe previste dal cosiddetto decreto Salva Italia che permettono di accedere al trattamento pensionistico secondo la disciplina in vigore prima della riforma previdenziale del dicembre 2011, mantenendo invariati i criteri necessari per la maturazione del relativo diritto; a prevedere l’assegnazione di adeguate risorse economiche al fine di finanziare le attività di messa in sicurezza e di bonifica dei siti contaminati nonché per finanziare le attività regionali di mappatura; a valutare la possibilità di una deroga al Patto di Stabilità per gli enti locali, per avviare e/o completare le attività di mappatura e di bonifica dei siti contaminati; e a ricostituire una cabina di regia nazionale o organo similare di coordinamento delle iniziative in tema di amianto”».

Lo dice Maria Antezza, deputata del Pd prima firmataria dell’Ordine del giorno.

«Ci auguriamo adesso – conclude Antezza – che l’impegno del governo si traduca nel minor tempo possibile in misure concrete a favore dei cittadini esposti ed ex esposti all’amianto».

Dal 2014 la detrazione per la bonifica dell’amianto sarà strutturale

L’iter di conversione in legge del DL 21 giugno 2013 n. 69 (disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia) estende le detrazioni fiscali del 65% già inserite per l’efficientamento energetico degli edifici alla bonifica dei materiali contenenti amianto e stanzia 150 milioni per lariqualificazione e messa in sicurezza delle scuole statali dove è stata accertata e censita la presenza di amianto.

Questa modifica fa parte di una serie di misure definite “Ecobonus” che comprende anche:

  • interventi di adeguamento antisismico
  • installazione di impianti di depurazione delle acque da contaminazione di arsenico di tipo domestico, produttivo e agricolo nei comuni dove è stato rilevato il superamento del limite massimo di tolleranza stabilito

Si aspetta la conversione definitiva per avere i dettagli completi.

Disegno di legge

Per conoscere meglio la problematica della presenza di amianto negli edifici scolastici vi consigliamo di consultare il Fact Sheet redatto dal Dipartimento Igiene del Lavoro dell’INAIL, una guida utile per intervenire quando è stata dimostrata la presenza di amianto e redigere un piano di intervento basato su:

  • informazione;
  • formazione;
  • verifiche periodiche;
  • interventi per prevenire il danneggiamento del materiale contenente amianto.

Scarica la guida INAIL “Amianto nelle Scuole”

Riferimenti Normativi

  • D.M. 06/09/1994 del Ministro della Sanità “Normative e metodologie tecniche di applicazione dell’art. 6, comma 3, e dell’art. 12, comma 2, della legge 27 marzo 1992, n. 257, relativa alla cessazione dell’impiego dell’amianto”. Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale, Serie generale, n. 288, del 10/12/1994
  • D.Lgs 09/04/2008, n. 81, “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”.
  • D.M. 20/08/1999 del Ministro della Sanità “Ampliamento delle normative e delle metodologie tecniche per gli interventi di bonifica, ivi compresi quelli per rendere innocuo l’amianto, previsti dall’art.5, comma 1, lettera f), della Legge 27 marzo 1992, n. 257, recante norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto”.
  • D.Lgs 03/08/2009, n. 106, “Disposizioni integrative e correttive del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”

Fonte articolo sopracitato: http://www.romanambiente.it/news/dal-2014-detrazione-bonifica-amianto/

Da gennaio 2014 ecobonus per bonifiche da amianto

Dal gennaio 2014 ci sarà anche labonifica dell’amianto tra le operazioni coperte dall’ecobonusapprovato dal Governo con il decreto legge 63/2013. Il provvedimento già oggi consente agevolazioni fiscali per lavori diristrutturazione edile, in particolare per migliorare l’efficenza energetica delle abitazioni, ma anche per l’acquisto di nuovo arredo.

Dal prossimo anno il decreto permetterà di detrarre dalla dichiarazione dei redditi fino al 65% delle spese, regolarmente fatturate, sostenute per lo smaltimento dell’amianto. Un incentivo che potrebbe essere prolungato almeno fino al 2020, rendendolo in sostanza strutturale.

Fino al 31 dicembre 2013 è ancora possibile godere degli incentivi sugli adeguamenti sismici degli edifici. L’opportunità è rivolta alle abitazioni principali e agli edifici destinati ad attività produttive che rientrano nelle zone sismiche 1 e 2, cioè quelle a maggiore rischio e pericolosità. Si potranno detrarre fino a 96mila euro di spese per le ristrutturazioni, considerando però che sono escluse le ricostruzioni a seguito di eventi sismici. La norma infatti parla chiaramente di lavori per la prevenzione del rischio, adeguamento e messa in sicurezza.

Con la possibilità di pagare meno le bonifiche di amianto, il decreto introduce sempre dal gennaio 2014 la possibilità di detrarre dalla propria dichiarazione dei redditi quegli interventi fatti su impianti idrici e cisterne colpite da inquinamento di arsenico, rilevato dagli organi competenti al di sopra delle soglie minime previste per legge.

Fonte dell’articolo sopracitato: http://news.supermoney.eu/ambiente/2013/10/da-gennaio-2014-ecobonus-anche-per-bonifiche-da-amianto-0036217.html

This entry was posted in amianto-eternit and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *